in primo piano

Apertura straordinaria 2 giugno 2015

La Reggia sarà aperta il 2 giugno in occasione della festa della Repubblica Italiana con l'obiettivo di assicurare la fruizione del patrimonio artistico e culturale......

 

Leggi tutto...
 
“Cose mai sentite: le regine dei Borbone”

Tenacia, passione, perseveranza: questi gli aggettivi che accomunano le regine della dinastia dei Borbone, donne che seppero rivendicare un ruolo da protagoniste nelle pagine della storia delle grandi monarchie, non limitandosi a essere semplici pedine sulla scacchiera dei matrimoni politici e delle alleanze internazionali......

Leggi tutto...
 
avviso pubblico sponsorizzazioni

AVVISO PUBBLICO PER LA RICERCA DI PROPOSTE DI SPONSORIZAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLE DIVISE DEL PERSONALE DI VIGILANZA DELLA REGGIA DI CASERTA

scarica il documento pdf

statistiche dal 10/2/2015

Utenti connessi
Tot. visite contenuti : 2396559

Cappella Palatina

PDF Stampa E-mail

 

Sul vestibolo superiore, di fronte al vano dello Scalone d’onore si apre la Cappella Palatina, inaugurata alla presenza di Ferdinando IV nel Natale del 1784. Essa è simile planimetricamente alla Cappella della Reggia di Versailles, ma collocata, diversamente da quest’ultima, al piano nobile. Consta di una grande sala a galleria fiancheggiata da due file di colonne che si elevano su un alto basamento sostenuto da pilastri, disegnando due passaggi laterali, attraverso i quali si accede alla Sagrestia della Cappella. La volta a botte è impreziosita da un cassettonato ligneo, mentre il pavimento è realizzato in pregiati marmi policromi. Sopra l'ingresso, di fronte all'abside è la Tribuna reale con semicolonne in marmo giallo di Castronuovo e specchiature in marmo di Mondragone, ad essa si accede mediante una scala circolare posta subito dopo l’entrata sulla destra. La Cappella  ha subito gravi danni a seguito dei bombardamenti del novembre 1943; sono andate  irrimediabilmente perdute opere di inestimabile valore, arredi sacri e dipinti come La Nascita della Vergine di S. Conca o la Pesentazione della Vergine al Tempio di R. Mengs. L’unica tela superstite, fra quelle commissionate per la Cappella, è quella dell’altare maggiore,“l’Immacolata Concezione“di G.Bonito. Nella zona absidale l’altare in stucco è il modello di quello originario, mai portato a termine, in marmi pregiati. Analogamente non fu completato il tabernacolo previsto in pregiate pietre dure( ametiste, lapislazzuli, corniole,agate e diaspri), al cui posto ve ne è uno in legno policromo.

 

Veduta d'insieme

 

alt

Particolare dell'altare

 
free pokerfree poker